InterEssere - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Barbie - Turici

Confessioni di una influencer

Educazione che arricchisce la vita

La scuola nonviolenta di Marshall Rosenberg

La naturale modernità di J.R.R. Tolkien

Tecnologia, Uomo e Natura nell’epopea dello scrittore britannico

La terapia bioenergetica

Una questione di cuore

Michael

Noie e dolori di un giovane demiurgo

Non è un caso, Moro

Il docufilm di Tommaso Minniti tra verità celate e ragion di Stato

Amy Winehouse
Storie

L’insostenibile fatica di essere

Il sacrificio del soldato bambino

Guerra e giustizia tra reale e reality

Robben Ford

Eleganza soprannaturale

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Genova vuole credere nella giustizia. Genova vuole rispetto per i suoi morti. Genova chiede la Verità.
InterEssere
21 Settembre 2022 - InterEssere

Dietro le quinte del sistema nervoso autonomo
 
La Teoria Polivagale
  
"Il fine dell'educazione è rendere il nostro SNA un alleato invece che un nemico”
William James

Che cos'è la teoria polivagale

La teoria polivagale, proposta nel 1994 dal neurofisiologo americano Stephen Porges (n. 1945), illustra le caratteristiche del sistema nervoso autonomo (SNA) e quanto il suo buon funzionamento favorisca il benessere fisico, emotivo e relazionale.

I tre pilastri della teoria polivagale sono: neurocezione, co-regolazione e gerarchia. Questi rappresentano la base su cui i bambini, a seconda del tipo di relazione, costruiscono attaccamenti sicuri.

Innanzitutto, Porges ha evidenziato che il SNA si è evoluto nel tempo per garantire la nostra sopravvivenza: grazie ad esso gli esseri umani riescono a "scandagliare" l'ambiente, accorgendosi precocemente di eventuali pericoli. Questa abilità, che viene da lui chiamata neurocezione, cioè la valutazione del rischio in assenza di consapevolezza, è quel processo istintuale che permette di capire se l'ambiente in cui ci troviamo è abbastanza sicuro.

Cosa succede in situazioni d'emergenza?

Il processo neurocettivo permette, dunque, l'attivazione immediata di tre meccanismi che hanno consentito agli esseri viventi di difendersi dagli attacchi dei predatori: due più recenti ed ereditati dai mammiferi, e un altro più arcaico, tipico dei rettili. Si tratta della via ventrovagale che regola i rapporti sociali del sistema simpatico, deputato alla lotta/fuga, e della via dorsovagale che mette in atto attraverso il sistema parasimpatico il meccanismo del "freezing" [...]
10 Settembre 2022 - InterEssere

Il bambino interiore ferito
Ovvero come scoprire (e accettare) i molteplici aspetti della personalità
Tutti noi – nessuno escluso – siamo nati con le potenzialità per crescere. Se impariamo a mettere in pratica questo potenziale, vivremo una vita d’intensità e di pienezza indicibili. Riusciremo a sviluppare delle risposte di crescita che ci permetteranno di andare ovunque e di fare qualsiasi cosa. [...] Crescere è la nostra vera ragione di vita. I processi umani rappresentano il veicolo della nostra crescita. Noi, come esseri umani, siamo il prodotto dei nostri processi. In effetti, siamo umani solo se siamo in grado di gestire i processi umani. E alla fine, o moriremo crescendo, oppure moriremo condizionati ed impotenti, profughi e senza casa nel nostro stesso mondo” [...]
31 Luglio 2022 - InterEssere

Educazione che arricchisce la vita
La scuola nonviolenta di Marshall Rosenberg
"L'empatia non è una situazione statica, e non è neppure una meta da raggiungere. L'empatia non è una materia che si può insegnare. L'empatia è un modo di relazionarsi - un modo di agire ed interagire. Allo stesso tempo, alcune pratiche possono aiutare a coltivare questo modo di essere. Nella nostra esperienza, la comunicazione nonviolenta è la più concreta e potente di queste pratiche".
Sura Hart, Victoria Kindle Hodson, A scuola con empatia, Esserci, 2014

Marshall Rosenberg, ideatore della comunicazione nonviolenta, nel suo libro "Educazione che arricchisce la vita" [...]
03 Luglio 2022 - InterEssere

La terapia bioenergetica
Una questione di cuore
“Lo scopo della terapia è la scoperta di sé [...]. Tre passi portano a questo scopo: il primo è la consapevolezza di sé, e ciò significa sentire ogni parte del corpo e i sentimenti che possono sorgere in esso [...]. Il secondo passo è l'espressione di sé. Se i sentimenti non trovano espressione vengono repressi e l'individuo perde il contatto con il Sé [...]. Il terzo passo è la padronanza di sé. Ciò significa che l'individuo sa che cosa sente, è in contatto con se stesso. Ha anche la capacità di esprimersi adeguatamente nel proprio interesse"
Alexander Lowen, Arrendersi al corpo

"È molto difficile rispondere e dire dove finisce il corpo e dove comincia la psiche. [...]
22 Maggio 2022 - InterEssere

Due parole sull'amore
Possesso, rispetto e fratellanza universale
“Tutto in tutti
Ciascun uomo in tutti gli uomini
Tutti gli uomini in ciascun uomo
Tutto l’essere in ciascun essere
Ciascun essere in tutto l’essere
Tutte le cose in ciascuna cosa
Ciascuna cosa in tutte le cose
Tutte le distinzioni sono mente, con la mente, nella mente, della mente
Niente distinzioni niente mente per distinguere”
Ronald D. Laing

L’avventura dell’amore
L’uomo si è sempre interrogato su quel sentimento che va sotto [...]
15 Maggio 2022 - InterEssere

La ragione non ce l'ha nessuno
La gestione nonviolenta del conflitto
“Quando un circuito si attiva in modo ripetuto può diventare uno schema predefinito, cioè la risposta che, con maggiore probabilità, verrà innescata. Se ci si sente al sicuro e amati, il cervello si specializzerà nell’esplorazione, nel gioco e nella cooperazione. Se si provano spesso paura, rifiuto, bisogni non soddisfatti, il cervello diventerà esperto nella gestione difensiva di sentimenti di paura e abbandono”.
Bessel Van der Kolk, “Il corpo accusa il colpo”


Cos'è il conflitto?

Nel vocabolario della Treccani si trova la seguente definizione di conflitto [...]
10 Aprile 2022 - InterEssere

Io sono un altro te
Amore e compassione nella vita quotidiana e nella Zen Therapy
“La perfezione Zen consiste nel vivere la propria vita quotidiana in maniera naturale e spontanea. Quando fu chiesto a Po-chang di definire lo Zen, egli disse: «Quando ho fame mangio, quando sono stanco dormo». Sebbene questa affermazione suoni semplice e ovvia, come tante altre dello Zen, si tratta in effetti di un compito veramente difficile. Riacquistare la spontaneità della nostra natura originaria richiede un lungo esercizio e costituisce una grande conquista spirituale”
Fritjof Capra, Il Tao della fisica, 1975

“Lo zen è uno stato mentale ecologico. È coscienza dell’interconnessione che porta a un’etica basata sul principio [...]
01 Aprile 2022 - InterEssere

Le meraviglie della comunicazione empatica
Torna ai contenuti