Musica - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Paolina

"Invecchiando si perdono molte cose che, prima, ignoravamo di avere" (Carlo Gragnani)

Il palco è nudo

L’agonia del teatro nell’epoca del distanziamento a comando

Alla ricerca del proprio ritratto

L’accettazione del diverso tra cinema e psicanalisi

Non è un articolo per nostalgici

Fisicità e liquidità, l’oggetto disco e il valore della musica

Americano, tra gotico e sogno

L’esordio letterario di Arianna Farinelli e il falso mito del sogno americano

Quel giorno che Van Basten abbatté l’Unione Sovietica

Gli Europei del 1988 e le miserie odierne, quando il calcio diventa metafora

Miyazaki, Nausicaa e il Mar Marcio in noi

Nausicaa è solo un modo di (ri)chiamare in superficie la nostra purezza, seppellita nel profondo

Quando la Rai inscenava il mistero

Il fascino dell'insolita televisione anni ‘70

Centrale Elettrica

Una distopia contemporanea tra fanciullezza ed età adulta

Jane Eyre

Il femminismo in età vittoriana

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]
MUSICA
18 Aprile 2021 - Musica

L’Estetica bianca di Lucio Battisti e Pasquale Panella
 
Ridevamo per l’aneddoto
 
29 settembre 1994, forse una coincidenza forse no. L’ultimo album di Lucio Battisti esce proprio il giorno incastonato nel titolo di uno dei suoi più grandi successi. Dalla 29 settembre firmata con Mogol sono passati oramai quasi trent’anni e di quel Battisti non v’è più alcuna rimembranza: l’Hegel scritto con Pasquale Panella è l’album che vende di meno, il più ostico e algido. Il quinto bianco, la chiusura del cerchio: la demolizione del mito battistiano, la dissoluzione della forma canzone tradizionale in un flusso incessante di parole e musica, lo scollamento tra versi e metrica, la riforma del cantare d’amore sulla base di presupposti inediti. Quale spazio ancora per il sentimentalismo in musica? Non più amore semmai, ma disillusione amorosa, intima, soprattutto unica grazie al poetare ermetico di Panella e al fiuto musicale avveniristico del genio di Poggio Bustone.  

Una ‘E’ gigante, su un fondale bianco. Questa la misteriosa copertina di Hegel. Non una ‘H’ come sarebbe stato logico aspettarsi, non un disegno a mano o una scritta come nei quattro album precedenti, ma un carattere tipografico. La quinta lettera dell’alfabeto, il quinto disco. Con Battisti-Panella tutto è studiato all’inverosimile, nulla è casuale. Un modo per giocare con la fonetica del nome del filosofo tedesco? O forse un rimando proprio all’estetica, cioè alla filosofia dell’arte, che al quinto parto discografico del duo (sempre di otto canzoni, sempre ogni due anni) si è fatta infine rigida e routinaria, continuativa e troppo rassicurante? È quest’ultima la condivisibile tesi interpretativa di Alexandre Ciarla, che nel suo ottimo saggio Battisti – Panella: da Don Giovanni a Hegel (ilMascellodonte, 2015) rimanda proprio al dualismo tra la fredda riproducibilità del carattere scritto a macchina o con il computer e l’irripetibilità del gesto artistico.  

È successo quello che doveva succedere.
Ci siamo addormentati, perché è venuto il sonno
A fare il nostro periodico ritratto.
[...]
29 Marzo 2021 - Musica

Non è un articolo per nostalgici
Fisicità e liquidità, l’oggetto disco e il valore della musica
Se mi immaginassi all’interno di un’elegante barca a vela, da “navigato” (è il caso di dirlo) musicista, nell’arredo non mancherebbe un ottimo impianto di alta fedeltà, o Hi-Fi, così come non potrebbe mancare una selezionata playlist musicale per delle stupende giornate in barca, magari al largo delle isole Cicladi nel mare della Grecia e poi verso Creta, l’isola che porta indietro nel tempo all’antica civiltà minoica. Al ritorno da questo ipotetico viaggio le immagini rimaste impresse scorrerebbero nella mia mente come incise sul nastro della bobina di un vecchio registratore [...]
31 Gennaio 2021 - Musica

Stevie Ray Vaughan, l’ultimo blues hero
A ritroso nella carriera di uno dei più grandi bluesman della storia
Scrivere qualcosa su Stevie Ray Vaughan equivale a riaprire una ferita che non mi si è ancora rimarginata, né mai si rimarginerà. Correva l’anno 1994 quando mi recai con mio padre nel negozio di strumenti musicali più in voga allora a Palermo. Con noi era presente Nino, a quell’epoca mio insegnante di chitarra: non sapevo nulla riguardo alla sei corde elettrica e Nino mi aiutò nella scelta del primo strumento. Il blues sarebbe diventato presto il nostro argomento prediletto. Mi suggerì di acquistare, tra i tanti, alcuni cd di B.B.King e tutta la discografia [...]
29 Novembre 2020 - Musica

Eddie Van Halen, l’essenza del rock
Retrospettiva a poche settimane dalla morte di uno dei più grandi chitarristi elettrici di tutti i tempi
«Quando ho sentito “Eruption” per la prima volta alla radio sono rimasto a bocca aperta, come quando ho sentito Hendrix da bambino. L’ho sempre considerato il più grande della mia generazione di chitarristi che è venuta dopo i giganti come Hendrix, Page, Beck, Clapton. Suonava sorridendo, una cosa importante perché all’epoca i chitarristi erano tutti smorfie, ringhi e pretenziosità. Per anni ho pensato che l’arte della chitarra fosse in pericolo, perché stava imboccando una strana strada. Improvvisamente è arrivato lui ed era come se la sua musica mi parlasse. [...]
15 Novembre 2020 - Musica

Nessun uomo è un'isola
Dall’isola di John Donne alle isole dei King Crimson, tra musica e poesia
“Nessun uomo è un’isola
Completo in se stesso
Ogni uomo è parte della terra
Una parte del tutto”
John Donne, Meditation XVII

È il 1623 quando il poeta inglese John Donne scrive la Meditazione XVII, meglio nota come No Man Is An Island. La prematura scomparsa della figlia Lucy e l’insorgere del tifo lo spingono all’introspezione profonda e alla ricerca del senso ultimo [...]
01 Novembre 2020 - Musica

Il cinema di Samuele Bersani
Dieci cortometraggi per "Cinema Samuele", un ritorno che profuma di capolavoro
Il tuo ricordo trova un buco nella rete, si infila dentro il mio cervello e fa il padrone. Samuele Bersani è tornato. Sette anni da Nuvola numero nove, sette anni che sembrano infiniti, un collasso spaziale, uno scherzo di tempo. Il mondo, intanto, continua a cambiare. Sempre più frenetico, la musica è un ossimoro di accidentale noncuranza. Tutti un po’ assuefatti, e pure narcotizzati dall’esistenza. En passant, che la vita è fugace e latrina per cani. Ma c’è un cinema che non teme coprifuoco o chiusure anticipate. [...]
26 Settembre 2020 - Musica

Chiedi chi era Janis Joplin
Lettera aperta alle nuove generazioni a cinquant’anni dalla morte della regina bianca del blues
Hai mai sentito parlare di Janis Joplin?

Beh, sì, probabilmente sì. In caso contrario non sarà difficile farti subito un’idea: basta compiere un giro nel web e su di lei troverai qualsiasi cosa. Leggerai che è stata la più grande voce femminile bianca del blues, che ebbe una vita disperata e piena di eccessi, che è una leggenda. Mi dirai: ma se tutte queste cose sono vere, perché ne ho sentito parlare così poco? Domanda legittima, ma per rispondere dovrei scriverti un’altra lettera. [...]
30 Agosto 2020 - Musica

Il tango dei Matia Bazar

05 Luglio 2020 - Musica

I giorni del futuro dei Moody Blues

07  Giugno 2020 - Musica

Io non mi sento italiano

10 Maggio 2020 - Musica

Le Roi Soleil, la Bohemian Rhapsody italiana
09 Aprile 2020 - Musica

Murder Most Foul

29 Maggio 2019 - Musica

Visioni sonore di mondi lontanissimi

02 Gennaio 2019 - Musica

Birkin Tree, un viaggio lungo una vita
25 Dicembre 2018 - Musica

Ella Wishes you a Swinging Christmas
18 Settembre 2018 - Musica

Una gravità che porta in cielo

15 Luglio 2018 - Musica

Il portiere alle soglie della notte

12 Aprile 2018 - Musica

Perché i talent show rovinano la musica e come liberarsene
01 Aprile 2018 - Musica

Quando il rock celebra la Pasqua

18 Marzo 2018 - Musica

Stephen Hawking e i Pink Floyd: un binomio inaspettato
18 Febbraio 2018 - Musica

Il CD è morto, evviva il vinile

Torna ai contenuti