Idea - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Paolina

"Invecchiando si perdono molte cose che, prima, ignoravamo di avere" (Carlo Gragnani)

Il palco è nudo

L’agonia del teatro nell’epoca del distanziamento a comando

Alla ricerca del proprio ritratto

L’accettazione del diverso tra cinema e psicanalisi

Non è un articolo per nostalgici

Fisicità e liquidità, l’oggetto disco e il valore della musica

Americano, tra gotico e sogno

L’esordio letterario di Arianna Farinelli e il falso mito del sogno americano

Quel giorno che Van Basten abbatté l’Unione Sovietica

Gli Europei del 1988 e le miserie odierne, quando il calcio diventa metafora

Miyazaki, Nausicaa e il Mar Marcio in noi

Nausicaa è solo un modo di (ri)chiamare in superficie la nostra purezza, seppellita nel profondo

Quando la Rai inscenava il mistero

Il fascino dell'insolita televisione anni ‘70

Centrale Elettrica

Una distopia contemporanea tra fanciullezza ed età adulta

Jane Eyre

Il femminismo in età vittoriana

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]
IDEA
L’esergo in un libro è la parte riservata alla citazione, proprio all’inizio del capitolo. Riporta le parole di qualcun altro, rimanda magari a epoche lontanissime o a concetti apparentemente slegati dal soggetto che si sta leggendo. In sé ha qualcosa di magico e insieme misterioso, perché se scrivere un libro equivale a compiere un lungo e spesso tortuoso percorso introspettivo, la scelta delle parole giuste da mettere “in esergo” rappresenta uno sforzo aggiuntivo, un impegno che se ben riposto dona al testo un fascino ineguagliabile.

Spesso l’esergo potrebbe vivere di vita propria, talvolta l’aforisma scelto è sufficiente a ispirare il lettore per il resto della giornata o magari arricchirlo interiormente per molto tempo a venire. In esergo è un po’ anche questo sito, che nasce in un mare magnum di altri e più noti portali d’informazione multistrato e più o meno alternativa, con la presunzione di occuparsi di attualità e cultura, e di tutto ciò che riesce a migliorarci la vita decorandola un poco. Non è un quotidiano, anche se si rifà nella veste grafica al vecchio caro giornale cartaceo che si compra in edicola: non verrà aggiornato quotidianamente e non ha scopo di lucro.

Il contesto storico in cui nasce questo sito è fuor di dubbio estremo: vige una sorta di pensiero unico dominante e chi si stacca dal coro, rincorrendo semplicemente una domanda, un quesito, non limitandosi ad accettare supinamente ogni aspetto della realtà così come viene propinato, somministrato, propagandato, è immediatamente additato come un complottista paranoico. Su ogni notizia e argomento il popolo si scompone in due fazioni contrapposte tra chi è pro e chi è contro, lovers n’ haters, in una sorta di massimalismo ideologico in grado di fagocitare non solo il buon senso ma soprattutto l’interpretazione esperienziale del mondo. Queste pagine vogliono trasmettere una prospettiva differente, basata non solo sulla pluralità d’opinioni, ma anche sull’approccio critico e libero a qualsiasi materia o argomento trattato.

InEsergo fornirà sempre una selezione di argomenti accattivanti e di letture vigorose, magari controcorrente, di eventi presenti e passati, nella convinzione (forse coraggiosa, forse un po’ sfrontata) che anche sul web si possa fare cultura. Magari sì, mettendola in esergo.  
Torna ai contenuti