salvatoredantoni - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Il sacrificio del soldato bambino

Guerra e giustizia tra reale e reality

Robben Ford

Eleganza soprannaturale

Schiavi e padroni del non-finito

Il confine indistinto tra essere Artista ed essere Nessuno

Due parole sull'amore

Possesso, rispetto e fratellanza universale

Quelle miserabili elezioni

La lezione di Victor Hugo per la politica prossima ventura

La ragione non ce l'ha nessuno

La gestione nonviolenta del conflitto

La felicità è un sistema complesso

La distruzione creativa nel film di Gianni Zanasi

La dittatura della felicità

“Topolin, Topolin, viva Topolin!”

Il cinema on the road

La sublimazione del viaggio infinito

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Genova vuole credere nella giustizia. Genova vuole rispetto per i suoi morti. Genova chiede la Verità.
Salvatore D'Antoni
08 Agosto 2022 - Storie
Barbie-Turici
Confessioni di una influencer
Dicono che non ci sia nulla di nobile nella povertà: penso abbiano ragione. Però nemmeno essere felici o fingere felicità a intervalli regolari di otto secondi non è una gran bella vita.
Mi chiamo Barbara e faccio la Influencer, la Content Creator, la Tiktoker… insomma avete capito. [...]
16 Giugno 2022 - Storie
Amy Winehouse
L’insostenibile fatica di essere
A Londra il 23 luglio 2011 doveva essere una giornata grigia, una giornata londinese, una specie di luogo comune, di stereotipo. A Londra il 23 luglio 2011 pioveva: se fosse una storia inventata la inizierei così.
In una casa situata a Londra, più specificatamente nel borgo di Camden [...]
01 Maggio 2022 - Storie
La dittatura della felicità
“Topolin, Topolin, viva Topolin!”
- Le Milizie mi stanno cercando, sono quasi spacciato, prima di arrendermi e accettare il mio destino ho deciso di registrare su questa vecchia musicassetta che ospitava un best degli Smiths. È quindi abbastanza chiaro che il sacrificio è grande, spero che serva -
Quando tutto iniziò la prendemmo a ridere [...]
17 Marzo 2022 - Attualità
La polarizzazione delle opinioni
Quel tifo da stadio che ci rende talmente brutti da essere veri
L'altro giorno queste mie povere orecchie martoriate da due anni di elastici da mascherina hanno recepito una frase, una frase sparata così, con una grazia tale da somigliare a un camion di letame che si ribalta in un centro abitato alle 14:00 di domenica pomeriggio. Per dirla in modo breve e conciso: una cosa assurda. [...]
26 Gennaio 2022 - Storie
Sixto Rodriguez
L’incredibile storia di Mr. Sugar Man
La vita è di una durezza irritante, Bob lo sa bene.
Facciamo uno sforzo di immaginazione fingendo spudoratamente di essere un direttore della fotografia. Mettiamo un bel filtro giallo alla camera da presa e rendiamo l'ambiente caldo, pieno zeppo di un caldo soffocante, quello che non ti fa respirare [...]
12 Dicembre 2021 - Storie
Garrincha, l'uccellino dalle gambe storte
Quando il dio del calcio si fece brutto anatroccolo
Garrincha è stato quel dribbling sulla fascia destra del campo di calcio che hai sempre provato a fare senza mai riuscirci del tutto, nondimeno a Garrincha i dottori avevano detto di non praticare il calcio perché invalido, fisicamente e mentalmente.
Nato nel 1933, fu registrato all'anagrafe [...]
07 Novembre 2021 - Storie
La rovesciata
Una storia improbabile ma accaduta sul serio
Se fosse un servizio della Rai quasi sicuramente il sottofondo musicale sarebbe La Leva Calcistica della Classe ‘68 di De Gregori, le inquadrature si muoverebbero su un campo polveroso di periferia con i bambini che giocano di spalle e una voce fuori campo a commentare con tono tra il patetico e il retorico. [...]
08 Agosto 2021 - Storie
L’incredibile storia del signor Yamaguchi
L’uomo che sopravvisse due volte alla bomba atomica
Molti guru dell'autorealizzazione affollano i social e li riempiono di teorie e dogmi e sostanzialmente ci dicono tutti quanti che la fortuna non esiste, che è l'uomo a fare la sua fortuna come peraltro recita un proverbio latino che non citerò perché non conosco il latino e non voglio darmi un tono citandolo. [...]
06 Giugno 2021 - Attualità
Africa dei Toto
Max Siedentopf e la distruzione del silenzio nel deserto del Namib
È il 2019 (anno che più passa il tempo più tendiamo a rivalutare): Max Siedentopf ha avuto un'idea, ha preso delle batterie solari, un lettore Mp3 ed è andato in Africa, più precisamente nel deserto della Namibia (senza però rivelare la posizione precisa) e ha deciso che “Africa dei Toto” suonerà all'infinito. [...]
28 Aprile 2021 - Storie
Robert Johnson
Le sei corde del diavolo
Nella zona del Delta del Mississippi tra infinite piantagioni, nastri d'asfalto appena posati e spazi infiniti nel 1938 c'erano poche regole ma ferree, poca legge ma, senza ma, poca legge e molto blues.

La regola principale tra i bluesmen che frequentavano [...]
21 Marzo 2021 - Storie
Quel giorno che Van Basten abbatté l’Unione Sovietica
Gli Europei del 1988 e le miserie odierne, quando il calcio diventa metafora
Un vecchio trailer diceva esistono storie che non esistono. Ecco. Questa è una storia che per infinite circostanze, scherzi del tempo, politica e avanzamento tecnologico appartiene a quella categoria appunto di storie che non esistono. [...]
10 Febbraio 2021 - Storie
Stuart Sutcliffe, la storia del Beatle perduto
Quando i Beatles si esibivano ad Amburgo
Amburgo nel 1960 era una città viva, una città del nord Europa negli anni ‘60 insomma, dove tutto era nuovo, tutto era trasgressivo, i club musicali erano molti e le inibizioni andavano via via scomparendo, salvo poi tornare sotto forma politically correct negli ultimi anni. [...]
20 Gennaio 2021 - Storie
Il culto del Cargo
Storia semiseria a tratti inventata di quanto sia facile essere Dio
Brevissimo cenno storico. Il Culto del Cargo si è originato più o meno verso la fine del diciannovesimo secolo e ha avuto il suo massimo splendore durante la Seconda Guerra Mondiale, quando le popolazioni indigene del Pacifico vedevano arrivare navi e aerei, oggetti che non avevano mai visto prima [...]
27 Dicembre 2020 - Storie
Quattro luglio 1999
Quel giorno in cui Martin Palermo mi rubò la ragazza
Ero il migliore e ora sono il peggiore, ma la verità è che non è morto nessuno. Se ci fosse stato un quarto rigore avrei calciato anche quello. Giocherò ancora titolare? Un giocatore non può essere cambiato perché sbaglia tre rigori: durante la partita mi sono reso utile, rispettando le consegne dell'allenatore”. [...]
Torna ai contenuti