antoniosutera - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Fuori tempo

Trattato fuori stagione sul Capodanno. Con storia annessa

Il Joker, tra follia e libertà

La follia come principio di autodeterminazione

Persi a Urlapicchio

Quando le parole perdono significato, ti liberano?

Macbeth, le cose nascoste

Percorso interiore di ritorno alla funzione catartica del teatro

Come un cammello in una grondaia

Franco Battiato e il paradosso della modernità

Sicilia, isula d’amuri

Istantanee di un siciliano innamorato

Africa dei Toto

Max Siedentopf e la distruzione del silenzio nel deserto del Namib

En attendant l’Absurde… Ma è (di nuovo) qui

Il ciclico ritorno del Teatro dell’Assurdo

Quei giovani ribelli quasi ottantenni

Il tramonto della canzone di protesta nell’era della “nuova normalità”

Lo stagno delle ninfee

Il giorno che Monet precipitò dentro a un suo dipinto

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Genova vuole credere nella giustizia. Genova vuole rispetto per i suoi morti. Genova chiede la Verità.
Antonio Sutera
17 Luglio 2021 - Storie
Fuori tempo
Trattato fuori stagione sul Capodanno. Con storia annessa
Il Capodanno è una grande invenzione. Ci pensate? Anziché tormentarsi continuamente, come la nostra specie tende a fare per natura, qualcuno (lode a chi l'ha fatto) ha pensato che forse sarebbe stato meglio farlo un solo giorno all'anno, un solo giorno per tutte queste scomode esigenze: riflessioni su tempo ed esistenza (per i più inquieti) [...]
23 Maggio 2021 - Storie
Lo stagno delle ninfee
Il giorno che Monet precipitò dentro a un suo dipinto
«Il riflesso pulito del cielo sull’acqua si intravede appena, quasi sopraffatto dalle ampie macchie verdi delle foglie di ninfee che galleggiano pigre sulla superficie del laghetto. Qui e là, piccoli tocchi rosa e violetti compongono i petali ancora chiusi, come adagiati sul loro letto verde, un attimo dopo il risveglio. [...]
14 Aprile 2021 - Storie
Paolina
Invecchiando si perdono molte cose che, prima, ignoravamo di avere
Potevano essere le tre, tre e un quarto, e ancora non avevo mangiato. Ero rientrato da poco, praticamente barcollando, e mi ero buttato sul letto così com’ero, scarpe comprese. Da lì, con un occhio sonnolento alla cucina, stavo pensando a quanto siamo complicati noi umani, con le nostre pretese da chef della porta accanto [...]
28 Febbraio 2021 - Storie
Centrale elettrica
Una distopia contemporanea tra fanciullezza ed età adulta
Come sapete, in quel periodo il governo era impegnato a tenere tutto sotto controllo. Aveva sventato a stento l'invasione nemica e, come era da immaginarsi, si stavano cercando complicità interne. In realtà, gli estremisti che avevano provocato il guaio non erano così popolari da avere un vasto seguito tra la gente comune [...]
Torna ai contenuti