InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Quelle miserabili elezioni

La lezione di Victor Hugo per la politica prossima ventura

La ragione non ce l'ha nessuno

La gestione nonviolenta del conflitto

La felicità è un sistema complesso

La distruzione creativa nel film di Gianni Zanasi

La dittatura della felicità

“Topolin, Topolin, viva Topolin!”

Il cinema on the road

La sublimazione del viaggio infinito

La pazienza del corallo

Liberamente ispirato a “Nessuna nuova” di Lorenzo Marciante

Chi vuole la guerra?

Gestione e sovragestione del mondo nell’epoca delle post-verità

Io sono un altro te

Amore e compassione nella vita quotidiana e nella Zen Therapy

Le meraviglie della comunicazione empatica

E’ possibile dialogare senza litigare?

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Genova vuole credere nella giustizia. Genova vuole rispetto per i suoi morti. Genova chiede la Verità.
HOME
26 Giugno 2022 - Storie

Noie e dolori di un giovane demiurgo
 
Michael
 
Non dormiva. Ormai non dormiva più come prima. Quando vennero a chiamarlo, alla solita ora, aveva gli occhi spalancati nel buio, su un fianco, di fronte alla parete d'acciaio.

Li aveva sentiti avvicinarsi progressivamente, poi erano entrati nella stanza e si erano fermati a pochi metri da lui. "Signore, sono le tre e mezzo" dissero. "Bene. Ci sono" rispose senza muoversi dalla sua posizione. Gli assistenti rimasero per un attimo interdetti, poi capirono il messaggio e lo lasciarono da solo a prepararsi. Poco dopo lo videro uscire, mentre ancora si aggiustava il camice. Aveva un'espressione esausta, ma le sue movenze erano energiche come sempre. "Allora, qualcosa da segnalare? Come procede la notte?". Gli assistenti erano impassibili. "Procede bene, signore. Niente di rilevante." "Bene" mormorò lui. "Andiamo". E uscirono.

I corridoi a sezione esagonale facevano somigliare la struttura a un'astronave. Di solito quei corridoi erano pieni di camici esagitati e cartelle di fogli con righe di calcoli, ma a quell'ora i loro passi echeggiavano senza ostacoli, fino a oltre la curva, dove si perdevano. Mentre facevano strada, con gli assistenti appena avanti a lui, gli venne da pensare a quanto la situazione fosse stramba. Si poteva quasi immaginare che quei due fossero i suoi carcerieri e lui un detenuto portato di notte a morire al riparo da sguardi indiscreti. Chissà perché gli veniva in mente questa roba. Erano solo fantasie, pensò. Ci volle poco perché arrivassero davanti alla porta della sala controllo. Lì gli assistenti si congedarono, lasciando il posto alla guardia, che gli aprì la porta senza entrare. Da lì in poi era solo. Si fece strada.

La sala era grande, semicircolare. Tre file di scrivanie ingombre di lampade da studio e matite appuntite fronteggiavano un tripudio di schermi a tre livelli [...]
19 Giugno 2022 - Cinema

Non è un caso, Moro
Il docufilm di Tommaso Minniti tra verità celate e ragion di Stato
Le menzogne politiche moderne si occupano di cose che non sono affatto segrete ma sono conosciute praticamente da tutti”
Hannah Arendt

“Sappiamo tutto e sappiamo tutti”
Tina Anselmi

“Credete che io non sappia che mi faranno fare la fine di Kennedy?”
Aldo Moro

Televisore arancione Indesit. Il presidente appare improvvisamente fuoriuscendo dal rumore bianco. Si rivolge ai ragazzi, ai giovani, parla in un parlamento deserto articolando un discorso che mette i brividi, che potrebbe davvero essere stato scritto [...]
16 Giugno 2022 - Storie

Amy Winehouse
L’insostenibile fatica di essere
A Londra il 23 luglio 2011 doveva essere una giornata grigia, una giornata londinese, una specie di luogo comune, di stereotipo. A Londra il 23 luglio 2011 pioveva: se fosse una storia inventata la inizierei così.

In una casa situata a Londra, più specificatamente nel borgo di Camden, una grossa guardia del corpo apre la porta d'ingresso e sale le scale: se fosse una storia inventata le scale le metterei, perché ci stanno bene, perché fanno molto epoca vittoriana. La guardia del corpo percorrendo un lungo corridoio pronuncia un nome, anzi un cognome preceduto dall’appellativo “miss”. Se fosse una storia inventata sarebbe l'ambientazione perfetta. Intanto fuori continua a scendere quella pioggia leggera [...]
11 Giugno 2022 - Attualità

Il sacrificio del soldato bambino
Guerra e giustizia tra reale e reality
“Il tutto è falso
Il falso è tutto”
Giorgio Gaber, Il tutto è falso

Siamo finiti in un labirinto virtuale dove tutto è falso, anche quello che accade realmente, falso nella narrazione ufficiale e in conflitto da entrambe le parti. Tutti gli accadimenti devono giustificare la spesa militare, la guerra e il riassetto dello scacchiere geopolitico. Guerrieri, giochiamo a fare la guerra? (ricordate il film cult I guerrieri della notte, del 1979?).

Ogni tanto arriva il momento di mostrare i muscoli, talvolta prevalgono gli istinti più bassi che definiamo “rapporti di forza”. Non c'è fine all'orrore, alle barbarie belliche [...]
05 Giugno 2022 - Musica

Robben Ford
Eleganza soprannaturale
Sciacca, agosto 1994. È il primo pomeriggio e non tira un filo d’aria. Sto per mettere in moto il motorino rigorosamente senza casco e con un’emozione in corpo che non riesco a controllare. Schizzo verso la zona residenziale. In un lasso di tempo minimo, zigzagando tra le auto e con la chitarra a mo’ di zaino, arrivo a destinazione in netto anticipo. Mi sta aspettando Nino, il mio primo insegnante. Le note della chitarra elettrica provenienti dal suo appartamento hanno un volume pazzesco, le sento distintamente dalla strada. Suono il campanello e faccio i gradini quattro alla volta, rischiando seriamente di farmi male. L’esordio non si dimentica facilmente.

Nino mi chiede che musica sono [...]
29 Maggio 2022 - Storie

Schiavi e padroni del non-finito
Il confine indistinto tra essere Artista ed essere Nessuno
Nella Galleria dell’Accademia di Firenze puoi fare una cosa insolita: sederti ai piedi di quattro statue di marmo e ascoltare la loro voce. Se attenzione e sensibilità saranno in completa sintonia, avrai inoltre la possibilità di vedere i loro muscoli tendersi in impercettibili movimenti e il sudore colare fino alla base.  L’assoluta mancanza di artefatti tecnologici e la loro età (più di 500 anni) ti porteranno a considerare impossibile ciò che ho affermato poc’anzi, ma ti assicuro che l’unica cosa davvero difficile di tutta la questione è sedersi per terra e mettersi in ascolto.

Sedersi per terra in un museo davanti a un’opera è arduo perché è scomodo, perché può essere d’intralcio [...]
22 Maggio 2022 - InterEssere

Due parole sull'amore
Possesso, rispetto e fratellanza universale
“Tutto in tutti
Ciascun uomo in tutti gli uomini
Tutti gli uomini in ciascun uomo
Tutto l’essere in ciascun essere
Ciascun essere in tutto l’essere
Tutte le cose in ciascuna cosa
Ciascuna cosa in tutte le cose
Tutte le distinzioni sono mente, con la mente, nella mente, della mente
Niente distinzioni niente mente per distinguere”
Ronald D. Laing

L’avventura dell’amore
L’uomo si è sempre interrogato su quel sentimento che va sotto il nome di “amore”. L’amore, realtà misteriosa e affascinante! [...]
Torna ai contenuti