Teatro - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ARTICOLI MENO RECENTI

Paolina

"Invecchiando si perdono molte cose che, prima, ignoravamo di avere" (Carlo Gragnani)

Il palco è nudo

L’agonia del teatro nell’epoca del distanziamento a comando

Alla ricerca del proprio ritratto

L’accettazione del diverso tra cinema e psicanalisi

Non è un articolo per nostalgici

Fisicità e liquidità, l’oggetto disco e il valore della musica

Americano, tra gotico e sogno

L’esordio letterario di Arianna Farinelli e il falso mito del sogno americano

Quel giorno che Van Basten abbatté l’Unione Sovietica

Gli Europei del 1988 e le miserie odierne, quando il calcio diventa metafora

Miyazaki, Nausicaa e il Mar Marcio in noi

Nausicaa è solo un modo di (ri)chiamare in superficie la nostra purezza, seppellita nel profondo

Quando la Rai inscenava il mistero

Il fascino dell'insolita televisione anni ‘70

Centrale Elettrica

Una distopia contemporanea tra fanciullezza ed età adulta

Jane Eyre

Il femminismo in età vittoriana

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]
TEATRO
13 Maggio 2021 - Teatro

Il teatro e la fantasmagoria della modernità
 
La vacuità dell’ indispensabile
  
“Anche l’amore della meraviglia par che si debba ridurre all’amore dello straordinario e all’odio della noia ch’è prodotta dall’uniformità”
Giacomo Leopardi

Qualcosa sta cambiando nel teatro, perlomeno nello scenario genovese che per ovvi motivi mi è più familiare e conosciuto. Sono alcuni anni, infatti, che si stanno verificando mutamenti nelle forme e nei linguaggi e, forse, nel concetto di teatro stesso. A prescindere da ciò che viene portato in scena, che si tratti di un testo prettamente classico o più moderno, le regie degli spettacoli mostrano da tempo un altro taglio. Gli attori che vediamo sul palco, sempre più spesso, non sono semplicemente loro, spogli e veri, all’univoco servizio della corporeità e della relazione reciproca: le scenografie allestite vengono arricchite con maggiore frequenza di molteplici supporti, visivi e auditivi, che catturino l’attenzione dello spettatore. In scena osserviamo schermi, luci particolari, oggetti elaborati, raffigurazioni estremamente realistiche, ascoltiamo moltissima musica d’atmosfera. Insomma, tutto è contornato da una fantasmagorica maestosità nel senso più cinematografico del termine. Anche i dialoghi, i monologhi, i tempi di reazione, le interazioni, le pause sono portatori di una suggestione innovativa. Il rapporto stesso degli attori con il pubblico è cambiato sulla scorta di questa nuova concezione.

L’abbattimento della quarta parete è meno frequente in quanto la reciprocità tra i protagonisti e gli astanti risulta maggiormente inconsueta e il fenomeno di immedesimazione di chi guarda subisce conseguentemente una trasformazione. Con ciò non voglio dire che ci si emozioni di meno o che risulti più arduo entrare in empatia con chi recita davanti ai nostri occhi [...]
25 Aprile 2021 - Teatro

Il dramma è donna
Antigone e Didone, antiche eroine della modernità
Il dramma è donna. Amara ironia o infausta realtà? Viviamo in un mondo in cui essere donna è ancora, purtroppo, un discrimine forte a livello sociale. Non fraintendetemi: per quanto possa sembrare, questa mia affermazione non porta con sé alcuna vena polemica né alcuna difesa femminista della categoria. Giusto un po’ di rassegnazione e un pizzico di sano cinismo.

Possiamo trovare una miriade di giustificazioni poste nei secoli alla base di questo annoso (e sempre più dannoso) gender gap plurisettoriale, alcune delle quali anche decisamente fantasiose, bisogna ammetterlo. Ma – avendo io dichiarato apertamente nell’incipit di questo testo [...]
09 Aprile 2021 - Teatro

Il palco è nudo
L’agonia del teatro nell’epoca del distanziamento a comando
Non vi è ombra di dubbio che il teatro sia stato (e sia tuttora) uno degli ambiti culturali più colpiti da questa realtà pandemica. Inizialmente venne la grande chiusura, quella del primo lockdown, maggiormente dura e crudele, nella quale impotenza e smarrimento regnarono sovrani malgrado molte realtà teatrali fecero il possibile per farsi udire nel silenzio, nella serrata, promuovendo iniziative ed eventi online.

Poi fu la volta della riapertura estiva, la famosa pausa dal virus. Un sospiro di sollievo? No, non esattamente, non per tutti. Gli unici ad averne beneficiato sono stati i teatri più grandi e rinomati, che riaprirono (non proprio a cuor leggero) con le regole del distanziamento [...]
Torna ai contenuti