Attualità - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
ATTUALITA'
22 Novembre 2020 - Attualità

Perché dal baratro nascerà un uomo nuovo

Il ritorno della bellezza
“Non si può trasformare il buio in luce e l'apatia in movimento senza emozione
Carl Gustav Jung

“Finché non saremo liberi, torneremo ancora”
Franco Battiato

“La bellezza salverà il mondo”
Principe Myškin, da “L’Idiota” di Fëdor Dostoevskij

Il buio è sceso sul mondo. È in ogni dove. Nelle strade deserte, nelle piazze, nell’assenza di profumi e sentori. Il buio s’è fatto silenzio, irreale. S’è incarnato negli occhi della gente, ne ha preso possesso per mezzo della paura, del terrore di vivere, del terrore di morire. Il buio si alimenta di un vocabolario nuovo, stilato pescando tra espressioni infauste e neologismi ad arte. Le parole sono importanti! esclamava feroce Michele Apicella, alias Nanni Moretti, nell’immenso Palombella Rossa. Eccome se lo sono: chi parla male, pensa male e vive male. Distanziamento sociale, coprifuoco, assembramento, negazionismo: una pletora di nuovi mantra, ipnotici, scesi dall’alto, mitragliati, ribattuti ogni giorno alla maniera di chiavi semantiche di una nuova realtà, di un mondo nuovo. Come per un sadico incantesimo, ecco le connessioni neuronali placidamente adattarsi, le abitudini cambiare, la disperazione montare da chissà dove, farsi largo, esplodere in conati di rabbia e di guardi svuotati, di volti coperti, di virtuale che si fa reale. Illusioni, favole della buonanotte, benzodiazepine per l’anima che batte e ribatte e alla fine si arrende. Perché c’è il virus, c’è la signora con la falce che ci prende e non siamo immortali, oh no. Non più.

Nell’Ottocento ci sono state qualcosa come sette pandemie di colera, con seicentomila morti solo in Italia: anche Giacomo Leopardi ne fu vittima, a Napoli, nel 1837. Eppure, il diciannovesimo secolo ha visto i moti risorgimentali, le tre guerre di indipendenza, la primavera dei popoli, la nascita del socialismo, Giuseppe Mazzini e il mazzinianesimo, i cui ideali cambiarono per sempre la storia del nostro paese. [...]
08 Novembre 2020 - Attualità

Il caos dall'ordine, l'ordine dal caos
Riflessioni sparse sull'orlo del precipizio
“E se la tua testa esploderà di foschi presagi, ci vedremo sulla faccia oscura della luna”
Pink Floyd, Brain Damage

Non si pensi che tutto ciò che stiamo vivendo accada per caso. Il caso non esiste. Esistono semmai le apofenie umane oppure il senso di prostrata impotenza. I semi hanno sempre bisogno delle giuste condizioni per attecchire: in caso contrario si disperdono. Pertanto è del tutto irrilevante, in quest’ottica, se il virus che sta cambiando il mondo sia il parto di una diabolica zoonosi o la conseguenza di un giochino speculativo condotto [...]
06 Ottobre 2020 - Attualità

La “Elena” di Euripide, uno sguardo sulla modernità
Intrecci e riflessioni su tragedia greca e contemporaneità, tra la messinscena di Davide Livermore e la cultura che si fa catarsi
Elena non è fuggita insieme a Paride. Elena non è fedifraga, una donnaccia. Anzi. Per dieci anni a Troia s’è combattuta una guerra sanguinosa e bestiale a causa di un eidolon, di un fantasma, di una replicante della vera Elena, la quale in realtà si trova da diciassette anni in Egitto, sull’isola di Faro, alla foce del Nilo. Sedotta dal re Teoclimeno, ella non ha alcuna intenzione di concedersi alle avances del sovrano egiziano, nutrendo ancora la speranza di ricongiungersi all’amato Menelao.

Un incipit esplosivo quello della Elena di Euripide, un avvio dirompente: come se il vero Napoleone non avesse mai perso [...]
09 Settembre 2020 - Attualità

Il favoloso mondo dell'ingenuista
Psicologia e sentire comune di chi rifugge ogni complotto
La premiata e indimenticata coppia Gaber/Luporini, ormai più di vent’anni fa, lo chiamava il conformista. Oggi, sebbene l’epiteto non possa certo dirsi passato di moda, dal conformismo (culturale, etico, sociale e finanche politico) s’è declinata una nuova figura, pittoresca quanto sublime: l’ingenuista. L’ingenuismo peraltro è un neologismo utilizzato raramente, del tutto sbilanciato a favore del ben più noto e celebrato complottismo, dalla cui categoria discende un florilegio di personaggi sinistri quanto disdicevoli, rispetto ai quali i media (ma concedetemi la preferibile dicitura “i padroni del discorso”) [...]
13 Luglio 2020 - Attualità

Autostrade, poteri forti e macelleria sociale
Tra code in autostrada e propaganda, laddove a rimetterci sono sempre i soliti
Confesso che, da genovese, non mi stupisco più di nulla. Ciò che si è vissuto nella Genova di ferro e aria col crollo del Morandi è stato come una terapia d’urto, un vaccino i cui effetti collaterali hanno travolto una parte di popolazione, corroborando chi in qualche modo è riuscito a resistere. Interruzione di pubblico servizio, impossibilità a spostarsi, crisi sociale ed economica, propaganda e manipolazione. Le conseguenze del disastro del 14 agosto 2018 hanno implicato, a cascata, molto di ciò che abbiamo visto dopo, tra lockdown, limitazioni delle libertà individuali [...] [continua a leggere]
14 Giugno 2020 - Attualità

Divide et impera
Storia e attualità di una strategia manipolativa sempre vincente
Pare che re Filippo II di Macedonia, ben prima di Cristo, avesse compreso il giochetto. È a lui che la tradizione attribuisce il motto divide et impera, una strategia del potere semplice semplice: si dividono gli avversari politici o i dissenzienti in genere in due opposte fazioni, allo scopo di indebolirne la forza e continuare a mantenere agevolmente lo scranno. Sin dalla notte dei tempi le vie della manipolazione si sono lasciate preferire a quelle dell’autoritarismo. Qualsiasi despota o potere autocratico o democratura in genere sa perfettamente [...]
19 Ottobre 2020 - Attualità

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo
(2 ANNI)
Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica che con l’indefesso concorso dei mezzi di comunicazione ha già perfettamente chiarito a se stessa le cause della tragedia di Genova. E quindi mentalmente archiviato la questione. Chi scrive non fa complottismo e non ama la dietrologia. Chi scrive è un privato cittadino che ha scelto di impiegare del tempo per mettere insieme i tasselli, informarsi, leggere, cercando di capire. E ne ha ricavato una serie di contraddittorietà, a oltre due anni dal 14 Agosto 2018, pubblicate per provare a scalfire nel suo piccolo qualche lambiccata certezza e, di converso, alimentare il dubbio [...]
23 Maggio 2020 - Attualità

App immuni e braccialetti elettronici
26 Marzo 2020 - Attualità

E quindi uscimmo a riveder le stelle?
18 Marzo 2020 - Attualità

La vita ai tempi del Covid-19

03 Febbraio 2020 - Attualità

Il mostro che non ti aspetti

05 Dicembre 2019 - Attualità

Autosreade Vs Italia

17 Novembre 2019 - Attualità

Dispositivi anti-abbandono: una distopia modernistica
01 Maggio 2019 - Attualità

Il nuovo libro del Prof. Enzo Siviero
01 Febbraio 2019 - Attualità

I Pirati sono estinti e la terra si scalda
25 Novembre 2018 - Attualità

Ordine Vs. Disordine

22 Agosto 2018 - Attualità

L’eterno ritorno dell’uguale

10 Agosto 2018 - Attualità

Quando la plastica diventa arte

26 Aprile 2018 - Attualità
 
Musica ricavata da astronomia: l'esperimento di Mark Heyer
22 Marzo 2018 - Attualità
 
Tutti spiati, inconsapevoli e felici

02 Marzo 2018 - Attualità

Mindfulness qui e ora: un approccio rivoluzionario alla vita
25 Febbraio 2018 - Attualità

Girovagare con la mente: il mind wandering
ARTICOLI MENO RECENTI

Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera

Schegge di introspezione sulla via dell'eterno ritorno al sè

Picnic ad Hanging Rock

L'onirica ascesa del cinema di Peter Weir nell'olimpo

La “Elena” di Euripide, uno sguardo sulla modernità

Intrecci e riflessioni su tragedia greca e contemporaneità, tra la messinscena di Davide Livermore e la cultura che si fa catarsi

Chiedi chi era Janis Joplin

Lettera aperta alle nuove generazioni a cinquant’anni dalla morte della regina bianca del blues

Il favoloso mondo dell'ingenuista

Psicologia e sentire comune di chi rifugge ogni complotto

Il tango dei Matia Bazar

L'apocalisse elettropop della musica italiana

Still life, la poesia dell'ultimo abbraccio

Vita e dignità della morte nel capolavoro di Uberto Pasolini

Giordano Bruno, pensieri in fiamme

Mito, modernità e insegnamento di uno dei più grandi intellettuali di tutti i tempi

Autostrade, poteri forti e macelleria sociale

Tra code in autostrada e propaganda, laddove a rimetterci sono sempre i soliti

I giorni del futuro dei Moody Blues

L'epopea del giorno qualunque di un uomo qualunque divenuta leggenda

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]


Torna ai contenuti