Storie - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
STORIE
17 Settembre 2020 - Storie

Storia dell'ultimo brano scritto nel nome della coppia, tra suggestioni medianiche e strabilianti coincidenze

L'arcobaleno di Mogol-Battisti

L’arcobaleno è il mio messaggio d’amore, può darsi un giorno ti riesca a toccare

Mogol non credeva ai suoi occhi. La canzone era finita da una settimana ma c’era questa frase, questa idea dell’incontro ravvicinato con l’arcobaleno che gli appariva totalmente insensata. Gli era venuta fuori così, di getto, e non trovava il modo di modificarla. Aveva passato una settimana a provare a girarla in maniera diversa. Poi un pomeriggio in autostrada all’altezza di Settebello notò un arcobaleno a due metri dalla macchina, di circa duecento metri di ampiezza, con colori “che non ho mai più visto in vita mia”. Cominciò a piovere e quell’arcobaleno si spostò prima sulla strada e poi raggiunse il cofano dell'automobile. Fu una fortuna che con lui ci fosse un testimone perché “una roba del genere se me l’avessero raccontata non l’avrei mai creduta”. Chiamò Celentano: “non c’è nulla da modificare, cantala così”.

Io son partito poi così d’improvviso, che non ho avuto il tempo di salutare

È noto come per l’uomo l’arcobaleno sin da tempi antichissimi simboleggi un trait d’union tra cielo e terra, realtà materiale e invisibile. Per i greci era impersonificato dalla dea Iride, latrice di messaggi funesti. Per i cinesi raffigura un drago a due teste, mediatore tra questo mondo e quello ultraterreno. I nativi americani del popolo dei Navajo lo considerano un serpente che può essere cavalcato con significato iniziatico, per volontà diretta del Grande Spirito. Anche le antiche culture celtiche, intravedendo nell’arcobaleno la rappresentazione celeste del ventre gravido della donna, coglievano un collegamento con l’energia lunare e femminile legata alla fertilità. Nella Bibbia l’arcobaleno compare, sin da subito, come simbolo soprannaturale del supremo patto tra Dio e l’uomo successivo al diluvio universale, riconciliazione tra terra e cielo e promessa per l’eternità. Fu proprio quest’ultima l’accezione condivisa dallo stesso Lucio Battisti, stando alla descrizione dell’incredibile esperienza onirica (?) di Giulio Caporaso, direttore editoriale e responsabile del mensile del Diners Club, Firma. [...]
28 Luglio 2020 - Storie

Giordano Bruno, pensieri in fiamme
Mito, modernità e insegnamento di uno dei più grandi intellettuali di tutti i tempi
Ho lottato, è molto: credetti poter vincere (ma alle membra venne negata la forza dell'animo), e la sorte e la natura repressero lo studio e gli sforzi. È già qualcosa l'essersi cimentati; giacché vincere vedo che è nelle mani del fato. Per quel che mi riguarda ho fatto il possibile, che nessuna delle generazioni venture mi negherà; quel che un vincitore poteva metterci di suo: non aver temuto la morte, non aver ceduto con fermo viso a nessun simile, aver preferito una morte animosa a un'imbelle vita. [...]
30 Maggio 2020 - Storie

Gustavo Rol, la possibilità dell'impossibile
Vita e miracoli del più grande esoterista del '900
È l’uomo più sconcertante che io abbia incontrato. Sono talmente enormi le sue possibilità, da superare anche l’altrui facoltà di stupirsene (Federico Fellini)

Quell’uomo legge nel pensiero e non possiamo rischiare che i segreti dello Stato francese vengano a conoscenza di estranei (Charles De Gaulle)

Una personalità tra le più sorprendenti del secolo (Alberto Bevilacqua)
Gustavo Adolfo Rol è ancora oggi [...]
10 Febbraio 2020 - Storie

Max Calderan, la forza dentro
All'inferno e ritorno tra le sabbie del Rub' al-Khali, l'ultimo luogo inesplorato della Terra
Max Calderan ce l’ha fatta. L’esploratore estremo nativo di Portogruaro ha attraversato a piedi il Rub’ al-Khali, il Quarto Vuoto, il secondo più grande deserto di sabbia al mondo. In diciotto giorni (dal 16 gennaio al 2 febbraio) ha coperto una distanza di oltre mille chilometri, solcando l’ultimo luogo rimasto inesplorato su questo pianeta, al centro di antiche leggende, aggirato dagli animali e dai volatili. Un’impresa senza precedenti, che non si limita a riscrivere le cartine geografiche dell’Arabia Saudita con quella [...]
22 Aprile 2019 - Storie

Ancora cinque secondi
Alex Zanardi: vita, crepuscolo e resurrezione di un uomo infinito
Mi vengono attribuite doti che sicuramente io ho, ma che non fanno parte esclusiva del mio repertorio. Fortunatamente. Sennò si partirebbe dal presupposto che Zanardi ce l’ha fatta perché è una specie di Superman e non è assolutamente vero: un sacco di ragazzi hanno fatto cose simili alle mie.

Per carità, non ditegli che è una persona straordinaria. Non fategli domande su come abbia fatto o se possegga qualche segreto inconfessabile. Vi risponderà controvoglia, sminuendosi, virando subito su terreni molto più famigliari: ci vuole passione [...]
11 Aprile 2018 - Storie

La sfera dei Betz
Indagine retrospettiva su una vicenda strabiliante e dimenticata
Florida, 26 marzo 1974. Terry Betz, studente di medicina ventunenne, insieme alla madre Gerri e al padre Antoine, ingegnere della Marina, constatano con comprensibile disappunto i danni provocati da un vasto incendio scatenatosi all’interno della loro proprietà nel Parco di Fort George Island, vicino alla città di Jacksonville. Mentre s’inoltrano tra i resti della boscaglia carbonizzata Terry incappa in una sfera metallica di circa 20 cm di diametro, dalle sembianze di una vecchia palla di cannone ma rivestita d’argento. Intrigato dall’insolito ritrovamento [...]
29 Marzo 2018 - Storie

Carter l'uragano, di fiamme e salvezza
L’incredibile storia di riscatto del pugile Rubin Carter
Ora quei criminali in giacca e cravatta
sono liberi di bere Martini e guardare l’alba,
mentre Rubin siede come Buddha in una cella di tre metri,
un innocente in un inferno vivente
Questa è la storia di Hurricane,
ma non sarà finita finché non riscatteranno il suo nome
e gli ridaranno indietro gli anni che ha perduto.
Lo misero in galera, ma un tempo sarebbe potuto diventare
campione del mondo” ***
16 Marzo 2018 - Storie

Roberto Maini, detto ‘Gola Secca’

16 Febbraio 2018 - Storie

La storia di Lampo, il cane viaggiatore
ARTICOLI MENO RECENTI

Still life, la poesia dell'ultimo abbraccio

Vita e dignità della morte nel capolavoro di Uberto Pasolini

Giordano Bruno, pensieri in fiamme

Mito, modernità e insegnamento di uno dei più grandi intellettuali di tutti i tempi

Autostrade, poteri forti e macelleria sociale

Tra code in autostrada e propaganda, laddove a rimetterci sono sempre i soliti

I giorni del futuro dei Moody Blues

L'epopea del giorno qualunque di un uomo qualunque divenuta leggenda

Lui è tornato
Cinema

Cosa accadrebbe se Hitler fosse nuovamente fra noi?

Divide et impera

Storia e attualità di una strategia manipolativa sempre vincente

Io non mi sento italiano
Musica

Retrospettiva del capolavoro postumo di Giorgio Gaber a quasi vent'anni di distanza

Gustavo Rol, la possibilità dell'impossibile
Storie

Vita e miracoli del più grande esoterista del '900

App immuni e braccialetti vibranti
Attualità

Le magnifiche sorti e progressive del distanziamento sociale

Smoke, l'umanità in bianco e nero di Paul Auster
Cinema

Tutti innocenti quando si sogna

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]


Torna ai contenuti