Cinema - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
CINEMA
21 Agosto 2020 - Cinema

Vita e dignità della morte nel capolavoro di Uberto Pasolini

Still life, la poesia dell'ultimo abbraccio
  
Un uomo, solo. Altri, ugualmente soli al momento dell’estremo commiato. Un trait d’union di dolcezza e sentimenti, una delicatezza straziante. Così si dipana l’esistenza di John May (Eddie Marsan), impiegato del comune londinese. La sua mansione non è mera necessità di sopravvivenza o passione pura, ma ragione stessa di vita. “Amo il mio lavoro”, sentenzia il protagonista con quell’espressione tenuemente sospesa tra il voler aggiungere ancora qualcosa e il timore di dire troppo. Perché questo fa John May, da ventidue anni: investigare la vita di chi muore in solitudine, riscostruirne il passato, la storia, rintracciarne amici o parenti da portare al funerale o perlomeno da informare. Un’esistenza in bilico tra i fantasmi, spulciando tra gli oggetti abbandonati, le fotografie, i ricordi di chi sapeva e interloquiva, per restituire la dignità, per scacciare l’arido senso di emarginazione dal momento dell’ultimo congedo.

Ma spesso il tutto si traduce in un insuccesso. Per questo May presenzia ai funerali nella più totale solitudine, scrive le orazioni per l’ignaro parroco celebrante, mescolanze di esplorazione e proiezioni soggettive al fine di ristabilire un’identità irrintracciabile. Donare dignità da morto a chi in vita l’ha perduta, questo fa John May. Un lavoro sottotraccia, senza alcun beneficio apparente, nessun guadagno o ritorno: chi non lascia eredità d’affetti poca gioia ha dell’urna, diceva Ugo Foscolo. Non stupisce pertanto che in una società guidata esclusivamente da logiche di profitto tale mansione venga a un certo punto ritenuta superflua. Così procede il nuovo rampante superiore di May, appena insediatosi: taglia l’ufficio, accorpandolo a una nuova sezione, e procede a un licenziamento gentilmente offerto come opportunità. [...]
25 Giugno 2020 - Cinema

Lui è tornato
Cosa accadrebbe se Hitler fosse nuovamente fra noi?
Cosa accadrebbe se Hitler ricomparisse oggi in carne e ossa? Sarebbe ancora capace di dominare il mondo o ne verrebbe naturalmente respinto a guisa di refuso storico? Domande che preludono al dipanarsi narrativo di Lui è tornato, trasposizione cinematografica del celeberrimo romanzo di Timur Vermes. Premesse altissime, dunque: il rischio di perdersi lungo il cammino o di sfociare in una facile retorica era dietro l’angolo. Al regista David Wnendt riesce invece un miracoloso equilibrio, che se non confluisce propriamente in un capolavoro con sequenze memorabili regala però uno dei film più intelligenti e ficcanti [...]
17 Maggio 2020 - Cinema

Smoke, l'umanità in bianco e nero di Paul Auster
Tutti innocenti quando si sogna
Se non ti prendi il tempo per vedere, non imparerai mai a guardare niente.

Paul Benjamin Auster è uno dei più importanti esponenti della letteratura americana contemporanea. Nel 1990 scrisse la Auggie Wren's Christmas Story (“Il racconto di Natale di Auggie Wren”) per l’edizione natalizia del New York Times. Nel testo immaginava che il tabaccaio Auggie Wren raccontasse al vecchio amico e scrittore Paul Benjamin (personaggio chiaramente autobiografico) una storia che fungesse da ispirazione per un pezzo da pubblicare proprio sul New York Times. Così, mentre Auggie e Paul stavano [...]
19 Giugno 2019 - Cinema

Sbatti il mostro in prima pagina
Storia, analisi e attualità di un classico del cinema italiano
Lei vede il giornalista come un osservatore imparziale. Ebbene io le dico che questi “osservatori imparziali” mi fanno pena. Bisogna essere protagonisti, non osservatori. È la Milano plumbea dei primi anni ’70 a incorniciare questo gioiello del cinema italiano di quasi cinquant’anni fa, firmato da un Marco Bellocchio già vincitore del Leone d’Argento a Venezia. Da una parte il giovanissimo e irriconoscibile Ignazio La Russa arringa davanti al Castello Sforzesco i militanti anticomunisti della Maggioranza Silenziosa, dall’altra i compagni sfilano coi pugni alzati al corteo funebre di Giangiacomo Feltrinelli. Bastano pochi minuti di filmati d’epoca [...]
11 Dicembre 2018 - Cinema

Bohemian Rhapsody
I Queen letti, rimaneggiati e interpretati da Bryan Singer
Dopo una serie interminabile di traversie Bohemian Rhapsody, discusso biopic sui Queen, è finalmente in proiezione nelle sale cinematografiche italiane. Era infatti dal 2010 che stava in cantiere un film sulla Regina. Sono cambiati registi, attori, produttori, fin quando nel 2015 la New Regency e la GK Films presero il comando delle operazioni assumendo il ruolo di produttori della pellicola. Le riprese sono iniziate nel 2017 e la regia fu affidata dapprima a Bryan Singer, in seguito licenziato (sarà Dexter Fletcher a terminare il tutto). Come tutti i lungometraggi riguardanti band iconiche della storia del rock o biopic a sfondo musicale [...]
24 Settembre 2018 - Cinema

Dario Argento - Master of horror
Retrospettiva a tutto tondo sul cinema, le allucinazioni e gli incubi del regista cult che il mondo ci invidia
Ho pensato di introdurvi al cinema argentiano raccontandovi un curioso aneddoto, corrispondente alla mia “iniziazione” anche con il genere. Correva l’anno 1988, erano da poco scoccate le 22:30 e non avevo affatto sonno. Facendo zapping, avvolto dal buio della sala, mi imbattei in Phenomena, il film di Argento che credo di aver amato maggiormente. Subii la classica folgorazione, provando vera eccitazione nel percepire la paura che inalavo a pieni polmoni, davvero una sensazione inedita per me. Da allora sono passati quasi 30 anni e la mia passione per la produzione cinematografica di Argento non s’è mai affievolita. [...]
ARTICOLI MENO RECENTI

I giorni del futuro dei Moody Blues

L'epopea del giorno qualunque di un uomo qualunque divenuta leggenda

Lui è tornato
Cinema

Cosa accadrebbe se Hitler fosse nuovamente fra noi?

Divide et impera

Storia e attualità di una strategia manipolativa sempre vincente

Io non mi sento italiano
Musica

Retrospettiva del capolavoro postumo di Giorgio Gaber a quasi vent'anni di distanza

Gustavo Rol, la possibilità dell'impossibile
Storie

Vita e miracoli del più grande esoterista del '900

App immuni e braccialetti vibranti
Attualità

Le magnifiche sorti e progressive del distanziamento sociale

Smoke, l'umanità in bianco e nero di Paul Auster
Cinema

Tutti innocenti quando si sogna

Le Roi Soleil, la Bohemian Rhapsody italiana
Musica

Analogie e differenze tra due brani storici del rock internazionale

Le cose da salvare

Viaggio tra le pagine del romanzo vincitore del premio Neri Pozza 2019

Murder Most Faul
Musica

L'elegia di Bob Dylan sull'America di Kennedy, un viatico per l'eternità

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]


Torna ai contenuti