Libri - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
LIBRI
03 Maggio 2020 - Libri

Viaggio tra le pagine del romanzo vincitore del premio Neri Pozza 2019

Le cose da salvare
  
Quali sono le cose da salvare? È una domanda che i nostri nonni devono essersi posti decine di volte, almeno a ogni strepito di sirena, quando il tempo di guerra necessitava vitale accettazione a lasciarsi tutto alle spalle in pochi minuti e a fuggire nelle gallerie, con la concreta possibilità che esaurita l’umana aberrazione della propria casa non restasse più nulla. A Genova quel 14 agosto 2018 fu come una guerra, come un bombardamento. I primi soccorritori parlarono di scenario apocalittico. Chi scrive non riuscì a incrociare con gli occhi quella linea d’orizzonte interrotta per molto, molto tempo. La medesima domanda si dispiegò anche tra gli sfollati di Via Porro, costretti ad abbandonare definitivamente le proprie abitazioni dopo qualche furtiva incursione, mai rispettosamente solitaria, nella disperata selezione dei pezzi di cuore da portare con sé nel prosieguo del cammino. Cosa salvare se lo chiede anche la giovane scrittrice Ilaria Rossetti con questo terzo lavoro, vincitore del Premio Neri Pozza 2019.

Le Cose Da Salvare è, senza troppi giri di parole, un romanzo strepitoso. Centosessanta pagine di puro fluire, magia letteraria, cuore immaginifico e tecnica sopraffina. Avanza per immagini la Rossetti, visionaria nel delineare con sapienza gli sfondi, il mare selvaggio e pulsante, il proscenio su cui i protagonisti muovono i passi. Ecco via dei Bastioni, alias via Porro, la cosiddetta “zona nera” degli edifici rimasti eretti sotto il moncone est di un anonimo Ponte (sempre con la P maiuscola) che non può essere che il Morandi , con la sua polvere, l’ossuta desolazione, lo spettrale boulevard. [...]
ARTICOLI MENO RECENTI

Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera

Schegge di introspezione sulla via dell'eterno ritorno al sè

Picnic ad Hanging Rock

L'onirica ascesa del cinema di Peter Weir nell'olimpo

La “Elena” di Euripide, uno sguardo sulla modernità

Intrecci e riflessioni su tragedia greca e contemporaneità, tra la messinscena di Davide Livermore e la cultura che si fa catarsi

Chiedi chi era Janis Joplin

Lettera aperta alle nuove generazioni a cinquant’anni dalla morte della regina bianca del blues

Il favoloso mondo dell'ingenuista

Psicologia e sentire comune di chi rifugge ogni complotto

Il tango dei Matia Bazar

L'apocalisse elettropop della musica italiana

Still life, la poesia dell'ultimo abbraccio

Vita e dignità della morte nel capolavoro di Uberto Pasolini

Giordano Bruno, pensieri in fiamme

Mito, modernità e insegnamento di uno dei più grandi intellettuali di tutti i tempi

Autostrade, poteri forti e macelleria sociale

Tra code in autostrada e propaganda, laddove a rimetterci sono sempre i soliti

I giorni del futuro dei Moody Blues

L'epopea del giorno qualunque di un uomo qualunque divenuta leggenda

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]


Torna ai contenuti