I Pirati sono estinti e la Terra si scalda - InEsergo

Title
Vai ai contenuti
01 Febbraio 2019 - Attualità

Tra Creazionismo, Evoluzionismo e Terrapiattismo s’insinua Il Prodigioso Spaghetto Volante che con i suoi Otto Condimenti, e uno stuolo di nuovi Pirati non violenti, sforna un’umanità senza intolleranze… sociali e religiose

I Pirati sono estinti e la Terra si scalda
 
«Quindici uomini sulla cassa del morto
io-ho-ho, e una bottiglia di rum!
la bottiglia e il demonio han pensato al resto
io-ho-ho, e una bottiglia di rum!»
 
La canzonaccia scricchiola nelle orecchie con la voce roca e biascicante di chi è avvezzo all’alcol e alla salsedine. La trasporta il vento, un vento strano che fa serrare le imposte e stare all’erta.
I pirati stanno arrivando.
E la mia memoria sale di corsa il sentiero degli anni fino alla cima della collina, dove il belvedere fanciullesco mostra e fonde tutti gli orizzonti possibili e impossibili, reali e immaginari: per scrutare il Veliero cavalcare le onde.

La pirateria moderna del XVIII-XIX secolo, ammantata di romanticismo, ha affascinato e terrorizzato, ispirato romanzi (su tutti L’Isola del tesoro di Robert Luis Stevenson), fumetti, film, giocattoli, videogames, saggi e persino curiose teorie, come quella che mette in relazione la sua progressiva scomparsa con il lento e inesorabile riscaldamento del Pianeta.

Che cavolo stai dicendo Willis?!?
Pare sia così, caro Arnold, se segui la logica dei Pastafariani.
Pastaché?!? I cugini dei Terrapiattisti?

Non farti ingannare dal nome bislacco, mettiti comodo e lascia che sia Claudia Albarani, Avocada Orecchietta Strozzapreti dei Sette Ricci, Ministra di culto della Chiesa Pastafariana Italiana, a guidarci nei meandri di questa nuova religione.

Innanzi tutto, Claudia, che cos’è il Pastafarianesimo?
«Il Pastafarianesimo è sempre esistito da quando il primo uomo ha messo la pentola sul fuoco, o per meglio dire dalla notte dei tempi. È però stato ufficialmente rivelato nell’anno 2005 dal nostro Profeta Bobby Henderson con una Lettera Aperta al sistema scolastico del Kansas (USA).
Infatti nelle scuole dello Stato del Kansas era stato introdotto l’insegnamento della teoria del disegno intelligente (o creazionismo), in affiancamento alla teoria dell’evoluzione. Il nostro saggio Profeta ha ritenuto quindi che fosse arrivato il momento di integrare l’offerta formativa con l’insegnamento dell’unica vera religione, il Pastafarianesimo, e ne ha rivelato i principi fondamentali.»

Come hai abbracciato questa religione e qual è il tuo ruolo all’interno del Pastafarianesimo?
«In passato ero atea, non riconoscendomi in nessun culto. Mi sembrava infatti che tutte le religioni, in nome della difesa di pochi principi importanti, ma dettati meramente dallo stesso buonsenso degli atei, pretendessero per la loro realizzazione innumerevoli dogmi e principi morali assolutamente inutili.
Poi ho incontrato alcuni pirati, ossia fedeli pastafariani, che si battono con fervore per la difesa dei diritti civili e, davanti ad un boccale di birra, ho avuto l’illuminazione.
Il Prodigioso Spaghetto Volante ha creato il mondo dopo una significativa sbronza ed è per questo che è tutto profondamente imperfetto.
Da quel momento ci ignora, lasciandoci soli con il nostro libero arbitrio e Otto Condimenti, che sono i principi fondanti della nostra religione e che si possono riassumere in saggi consigli che ci invitano a vivere la vita con gioia e serenità, senza inutili e rigide imposizioni, ma sempre  nel  rispetto  del  prossimo.
Credo che sia importante dare la possibilità a più persone possibili di abbracciare una religione che rispetta il diritto di ciascuno di essere se stesso, e cerco di dare il mio contributo come Preside nella nostra scuola per ministri di culto.»

Ci puoi spiegare la connessione tra diminuzione del numero dei Pirati e riscaldamento globale?
«Devi sapere che il Pastafarianesimo è l’unica religione che si basa su solide basi scientifiche. E infatti, dagli inizi del IX secolo, l’aumento sempre maggiore della temperatura media del nostro pianeta è stato accompagnato da una netta diminuzione del numero di pirati. E per chi ha qualche dubbio, basta guardare il grafico a questo link» (Bobby Henderson, il Profeta, sviluppò probabilmente questo dogma per prendere in giro chi manipola i dati in modo da ottenere grafici confacenti alle proprie teorie.
Dopotutto una correlazione non implica necessariamente un rapporto di causalità. Fonte: Wikipedia).

Il Pastafarianesimo come si pone nei confronti degli altri Credi esistenti?
«Il Pastafarianesimo non vuole imporsi con violenza e oppressione nei confronti di nessuno, per cui è una religione che rispetta il prossimo, indipendentemente dal suo credo di appartenenza. Allo stesso tempo pretende che i propri fedeli siano rispettati senza essere mai soggetti ad alcun tipo di discriminazione.»

Dove possiamo trovare approfondimenti sul tema?
«Vi invito in primo luogo a visitare il nostro sito e la nostra pagina Facebook “Chiesa Pastafariana Italiana”, dove potrete contattare le Pannocchie locali e informarvi sugli eventi e le nostre campagne, come ad esempio “Le Tagliatelle in piedi”, che affrontano problemi quali l’intolleranza, l’omofobia, il sessismo e, generalmente, l’odio che nasce dalla non-conoscenza degli altri; “Liberi verso il Vulcano”, che si batte per il diritto ad un fine-vita dignitoso e “Dioscotto”, per l’abolizione delle leggi contro la blasfemia. Inoltre vi invito a leggere “Il tocco dello Spaghetto”, primo fumetto in Italia dedicato al nostro culto.»

Questa nuova religione ci invita con serissima ironia a prendere parte attiva in ogni ambito della vita comunitaria - religioso, politico, sociale - indagando, vagliando sempre le fonti e informandoci, con spirito critico e curioso. In poche parole sprona a soffiare su quei pericolosi castelli di carte costruiti ad hoc per alterare la realtà delle cose al fine di discriminare, manipolare e opprimere il prossimo.
Come recita il terzo Comandam…  ops!… “Condimento” del Dio pastafariano:
“Io preferirei davvero che tu evitassi di giudicare le persone per come appaiono, o per come si vestono, o per come camminano, o, comunque, di giocare sporco, va bene?
Ah, e ficcati questo nella tua testa dura: Donna = Persona. Uomo = Persona. Tizio noioso = Tizio noioso.
Nessuno è meglio di un altro, a meno che non stiamo parlando di moda e, mi spiace, ma ho dato questo dono alle donne e a qualche uomo che capisce la differenza fra magenta e fucsia”.

ARTICOLI MENO RECENTI

Smoke, l'umanità in bianco e nero di Paul Auster
Cinema

Tutti innocenti quando si sogna

Le Roi Soleil, la Bohemian Rhapsody italiana
Musica

Analogie e differenze tra due brani storici del rock internazionale

Le cose da salvare

Viaggio tra le pagine del romanzo vincitore del premio Neri Pozza 2019

Murder Most Faul
Musica

L'elegia di Bob Dylan sull'America di Kennedy, un viatico per l'eternità

E quindi uscimmo a riveder le stelle?
Attualità

Dall’#iorestoacasa all’#andratuttobene. Indagine su una guerra senza bombe

Max Calderan, la forza dentro

All'inferno e ritorno tra le sabbie del Rub' al-Khali, l'ultimo luogo inesplorato della Terra

Il Mostro che non ti aspetti

Tra pandemia virale e genocidio dell'intelletto

Autostrade Vs. Italia

Pillole di cronaca surrealistica

Dispositivi anti-abbandono: una distopia modernistica

Riflessione ad ampio raggio sulle disposizioni della legge 117/2018

Ancora Cinque Secondi

Alex Zanardi: vita, crepuscolo e resurrezione di un uomo infinito

Ponte Morandi: la verità è un anelito a prezzo di costo

Chi scrive non conosce la verità, a differenza della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica [...]


Torna ai contenuti